Contatti

Accesso

ULTRACENTENARI nelle Blue Zones: nessuno di loro conta le calorie, prende vitamine o pesa le proteine!

 

alberi affettuosi

 

Blue Zones : le cinque aree del Pianeta dove si concentrano le popolazioni più longeve studiate dal giornalista del New York Times, Dan Buettner, con il National Geographic.

Le abitudini degli ultracentenari di: Okinawa in Giappone, Loma Linda in California, Ikaria in Grecia, la Penisola di Nycoia in Costarica e l’Ogliastra, in Sardegna e – incredibile – nessuno di loro conta le calorie, prende vitamine o pesa le proteine

Ohsawa

L’indagine giornalistica offre buoni spunti e il 70% delle indicazioni fornite, desunte dalle abitudini alimentari di quei longevi, può – ai nostri occhi – ritenersi ragionevole. Il fatto – come al solito – è che non si riesce a dedurne un modello alimentare. L’attenzione resta rivolta a singoli cibi e non si arriva a concepire una direzione alimentare in cui inserire con un certo criterio quei cibi. In altri termini ci si dovrà gestire tra l’ordinario quotidiano (cereali,verdure,legumi) e il saltuario, l’occasionale, l’infrequente, il periodico (tutte le altre cose che si desidera mangiare perché si vive comunque in questo mondo).

 

w-c-in-oro-cattelan

In realtà un’analoga precedente indagine del 2005 aveva già preso in esame questa realtà e noi ne avveravamo parlato così:

LA VERA STORIA DELLA MACROBIOTICA.

word-image22

La rivista National Geographic ha realizzato un servizio (novembre 2005) sulla longevità, dopo che per alcuni anni alcuni ricercatori hanno fatto il giro del mondo alla ricerca dei segreti di lunga vita. Essi hanno visitato e studiato quelle regioni della terra in cui si registra un’alta percentuale di centenari (elemento quantitativo) e un’incidenza decisamente inferiore di malattie (elemento qualitativo) che mietono vittime nel “mondo sviluppato”. La squadra di ricercatori e demografi ha identificato tre zone, definite “punti caldi”, in Sardegna, in Giappone a Okinawa ed in California a Loma Linda. In questi tre luoghi, presi a campione, la gente non solo vive più a lungo ma è anche più sana. Si sa che l’interesse vero è non tanto quello di dare più anni alla nostra vita ma più vita ai nostri anni, e sfuggire così ai prolungamenti artificiali dell’esistenza offerti dalla moderna scienza medica e farmaceutica. Un gradevole aneddoto riguardante queste ricerche, svolte con esami che prevedevano anche semplici prove di efficienza fisica per gli anziani centenari, è il seguente: Una signora di 100 anni aveva accettato di buon grado di sottoporsi a tali esami, ma era incerta ed aveva un solo grande dubbio: che scoprissero che era in buona salute e le levassero la pensione! Ma quali abitudini chiave condividono gli abitanti di questi luoghi così lontani nel mondo? Quali sono i segreti che questi “supersenior” posseggono, nonostante le differenti credenze e le differenze di cultura?. La risposta è molto semplice: stile di vita e alimentazione. Tutti indistintamente non fumano, mettono la famiglia al primo posto, sono attivi ogni giorno e fanno vita sociale. Inoltre, last but non least, mangiano ordinariamente ed in modo centrale, oltre ad alcune specificità connesse con i luoghi di appartenenza (come le alghe in Giappone), cereali integrali, legumi, verdura e frutta.


George Ohsawa

 

 

La vera storia della Macrobiotica.

Tutto quello che non vi hanno raccontato!

Lascia un commento

*

code

Aggiungi immagine (JPEG only)


Notice: Undefined index: images in /web/htdocs/www.comecucinarelanostravita.it/home/wp-content/plugins/comment-image/plugin.php on line 173
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com