Contatti

Accesso

EXPO Milano: non è un paese per vegetariani.

auto-carne

L’IMPORTANZA DI DIVENTARE VEGETARIANI?

…e come la pensano quelli di Expo Milano 2015?

In margine ad uno tra i tanti articoli di Umberto Veronesi sulla stampa quotidiana che mi colpì qualche anno fa, per l’invito al vegetarianismo.

L’articolo – come tanti altri dell’autore – doveva, nelle intenzioni di chi lo scriveva e di chi lo pubblicava, indurre i carnivori ad una maggiore riflessione sul fatto che “oggi non riusciamo neppure a contare quante malattie e quante morti potrebbe evitare un minor consumo di carne”.

  • Vi si legge chiaramente un invito a ridurre, almeno, questo tipo di consumo anche se non ad evitarlo del tutto. Eccone i punti salienti:
  • Gli argomenti di dissuasione al consumo forsennato di carne che facciamo in occidente, oltre che importanti per la salute individuale sono rilevanti pure sul piano dell’ecosistema.
  • Ogni anno 150 milioni di tonnellate di cereali sono destinate a bovini, polli e ovini.
  • Il 50% dei cereali ed il 75% della soia che si raccolgono nel mondo servono a nutrire gli animali di allevamento.
  • 36 dei 40 Paesi più poveri del mondo esportano cereali negli USA dove il 90% di questo prodotto importato è utilizzato per nutrire animali da macello.
  • Per produrre 1 kilo di carne di manzo occorrono più di trentamila litri d’acqua.

E’ difficile per me, pensare che ci sia qualcuno, tra chi mangia carne e insaccati tutti i giorni  anche due volte, che inizi a riflettere dopo la lettura di questi argomenti!  Forse la strada per il cambiamento è un’altra. Forse bisognerà iniziare a evitare di vietare e criticare (circolo vizioso che passa per la resistenza di chi è convinto del contrario) e avviare altri circoli virtuosi …. propositivi…

L’EXPO di Milano 2015 in questo – sul piano alimentare – non credo che aiuti nessuno, ma sarebbe il primo soggetto da convincere. Come pure sarebbe da sollecitare il tipo ordinario del “buon” vegetariano, che contempla nell’alimentazione  la presenza, più o meno massiva ma non meglio identificata, di formaggi stagionati, latticini, zucchero (sia pure di canna-che è la stessa cosa del bianco) e uova e tante altre … merendine ancora!

Apprezzo il recente messaggio-alimentare su Expo Milano 2015 del Dott. Franco Berrino:

 

 

 

In una conferenza a Dornach, l’8/1/23, Rudolf Steiner disse:

… mi domandano: “E’ meglio essere vegetariano o è meglio mangiare carne?” Di solito non dico mai ad una persona se essa debba mangiare vegetali o carne, a queste persone faccio notare: “La carne produce in voi questo effetto, i vegetali quest’altro.” La conseguenza di ciò è che le persone hanno la possibilità di decidere da loro.

 

fat-no-Food

2 Comments

  • anna mascheroni

    13 Maggio 2015 at 22:16

    buonasera Andrea, come stai? io un po’ appesantita da questo caldo scoppiato all’improvviso. sto cercando di diminuire i tempi di cottura e mangiare tiepido. amo il riso stracotto ma credo che per l’estate sia preferibile cuocerlo un po’ meno. cambiando argomento ( vergognoso che l’EXPO 2015 sia sponsorizzato da cocacola e mcdonald) condivido assolutamente la tua affermazione che dobbiamo ” iniziare a evitare di vietare e criticare (circolo vizioso che passa per la resistenza di chi è convinto del contrario) e avviare altri circoli virtuosi …. propositivi…”. ne so qualcosa avendo un marito carnivoro irriducibile. nessun discorso lo tocca, ho provato di tutto, dalle argomentazioni cui accenni nel post, alle fotocopie sparse per casa di articoli vari, libri ( ultimo “the china study”). ho deciso di non criticare più, annuire e sorridere, e mangiando davanti a lui i miei squisiti piatti misti, ogni tanto inizia ad allungare la forchetta, mi chiede delucidazioni e qualcosa inizia a germogliare. soprattutto si è reso conto che la sua gastrite cronica , se la sera mangia la mia minestra, miracolosamente scompare o si attenua. tengo duro, e propositiva! un abbraccio Anna

    Rispondi
    • Andrea Biggio

      14 Maggio 2015 at 17:23

      EH EH EH Non criticare più e sorridere ecco uno dei punti fondamentali della convivenza e della comprensione – che condivido con te – di non sentirsi depositari della verità, carissima Anna.
      Quel qualcosa che inizia a germogliare lo vedo bene prima di tutto in te! Sei forte. Ti abbraccio.

      Rispondi

Lascia un commento

*

code

Aggiungi immagine (JPEG only)


Notice: Undefined index: images in /web/htdocs/www.comecucinarelanostravita.it/home/wp-content/plugins/comment-image/plugin.php on line 173
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com