Contatti

Accesso

Mangio, dunque sono. I problemi alimentari che trattano gli “esperti”…

 

 

L’obesità dei bambini è la notizia che più spesso incontriamo tra i mass-media. E’ stata avviata una campagna per contrastare le cattive abitudini diffuse già nella prima infanzia. In Italia siamo depositari del record di sovrappeso tra i sei e i nove anni: colpa della dieta mediterranea, per caso? 14 milioni di bambini sovrappeso e 3  milioni di obesi in Europa e in Italia sono quasi il 50%. Così ci dicono rapporti e campagne ad hoc.

Ma cosa volete che facciano questi poveri ragazzi bersagliati dalla cultura televisiva, dalla pubblicità e dalle abitudini alimentari  dei loro genitori;  i quali credono che l’alimentazione  vera stia nel messaggio dei masterchef,  dei cotti e mangiati e delle prove del cuoco che abbondano ormai in tutte le TV d’Europa. L’unica cosa che interessa è trovare la ricetta più gustosa e più luccicante ed il gioco è fatto… ed i business pure! Pensate che un “grande chef”   fu invitato a crea piatti di “alta cucina” per McDonald’s, panini e dolci; lo ha fatto nell’ambito di un progetto dell’allora ministro dell’Agricoltura  Zaia: progetto McItaly. Le cose dopo, secondo il mio marginale punto di vista,  non sono cambiate se non in peggio.

 

 

Ma l’obesità e la bulimia, sono una cosa seria e delicata, che abbisogna di un approccio più complesso, di fronte al quale mi sento molto piccolo.

 

 

Apfeldorfer, per i Tascabili Marsilio,  tratta di obesità e anomalie nel comportamento alimentare, non certo a livello di reality, e critica i pregiudizi correnti sui grassi. Il medico, psichiatra e psicoterapeuta  francese afferma che “la fede nella dieta salvifica non solo è fondata su basi erronee ma è pericolosa e va contrastata  ed invece in questi casi è richiesta  una trasformazione dell’essere.

Apfeldorfer analizza con acutezza i comportamenti alimentari, i significati sociali del cibo, l’immagine del corpo, le tecniche di dimagrimento e le terapie della bulimia. Gran bella analisi anche dell’origine del mangiar carne: tutto ciò che ha a che fare con l’alimentazione carnea ha conservato un tratto essenzialmente mascolino: è l’uomo cacciatore che tradizionalmente ha il compito di disossare  il cosciotto.

Comprai il libro di questo psichiatra dopo che, avendo scritto ad Umberto Galimberti svariati anni fa, ne ricevetti la interessante risposta che mi piace adesso condividere con voi.

 

 

DISCLAIMER:
I CONTENUTI PRESENTATI IN QUESTO BLOG NON INTENDONO COMPLETARE NE’ SOSTITUIRE, IL PARERE DEL VOSTRO TERAPEUTA (MEDICO-PSICOLOGO-DIETOLOGO-MEDICINE ALTERNATIVE-ETC.) CURANTE DI FIDUCIA.

Lascia un commento

*

code

Aggiungi immagine (JPEG only)


Notice: Undefined index: images in /web/htdocs/www.comecucinarelanostravita.it/home/wp-content/plugins/comment-image/plugin.php on line 173
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com