Contatti

Accesso

Perché mi sento un eretico!

Il verbo greco airéo significa prendere ed il medio airéomai significa scegliere volontariamente, prendere per sé. Aìresis è pertanto una scelta, intesa come l’atto o l’oggetto della scelta stessa. Il significato etimologico di eresia ci ridireziona al far uso esclusivo della nostra volontà, compiendo una scelta propria e personale, senza farsi guidare da altri (da Dio, dalla Chiesa, dalla famiglia, dall’ambiente, dalle generazioni che ci hanno preceduto, etc.). Nel compiere una scelta affermiamo la superiorità del nostro giudizio personale, scegliendo la nostra volontà in contrapposizione a quella di un “Dio” o di una “Chiesa”, della “Televisione” o dei “Giornalisti”, e potremmo continuare con nutrizionisti, medici e dietologi… e  con quella piaga moderna – sconosciuta all’antica umanità -che è lo “SCIENTISMO”.

Non guardo con sfavore al progresso scientifico, dei cui benefici godo come essere umano e le cui acquisizioni teoretiche cerco di introdurre nella mia modalità di vedere il mondo (filosofia e teologia) e di coltivare la dimensione contemplativa della vita (spiritualità). Però diffido della scienza e della tecnologia quando manifestano un complesso di superiorità culminante in una sorta di gelosa autarchia che si può riassumere così: gli scienziati hanno il potere di intervenire sulla natura umana, l’umanità si deve fidare perché grazie a loro la vita sarà migliore. …l’ottimismo scientista non era condiviso da Einstein, secondo il quale “coloro che più sanno sono i più pessimisti”. …. Non posso non vedere il pericolo di una “società nanoscientifica” che imponga a ogni individuo uno standard di salute fisica e mentale predefinito invadendolo sin da piccolo di microorganuli, uno standard in base a cui Michelangelo e Leopardi sarebbero stati sempre di buonumore, Nietzsche non sarebbe impazzito, Van Gogh non si sarebbe tagliato l’orecchio, Tolstoy sarebbe morto tra le linde lenzuola di casa, e tutti avrebbero fatto jogging ogni mattina dopo una colazione a base di cereali americani … VITO MANCUSO.

La Chiesa e molte religioni monoteiste condannavano (e forse…condannano in qualche modo anche ora?), come eretici, coloro che non si assoggettavano alle “verità assolute” da esse enunciate. Gli eretici erano quelli che rivendicavano la totale libertà di pensiero e quindi di scelta. L’eretico è, letteralmente, qualcuno che percorrendo altre strade trova nuove e diverse vie d’uscita (METIS = l’astuzia creativa di Ulisse) anche nelle situazioni più complesse. La Scienza, che è una chiesa anch’essa, non è diversa.

SONO UN BLOGGER ERETICO E NON CONFORMISTA!

4 Comments

Lascia un commento

*

code

Aggiungi immagine (JPEG only)


Notice: Undefined index: images in /web/htdocs/www.comecucinarelanostravita.it/home/wp-content/plugins/comment-image/plugin.php on line 173
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com