Contatti

Accesso

Semi di lino? ..di sesamo? ..di zucca? ..di girasole? Crudi, cotti?

be_original

 

 

 

buongiorno andrea, posso domandarti una cosina?nella tua cucina macro utilizzi i semi di sesamo tostati? meglio che crudi? ci sono differenti opinioni…m’illumini please? inoltre fai uso anche di altri semini quali lino, girasole e zucca etc. grazie mille se mi risponderai.

R.

 

 

Il tema dei semi è immenso. Questo blog è piccolino. Proverò a dire qualcosa, consapevole di non poter esaurire il tema.

I soli semi che non mancano mai nella mia cucina sono i chicchi di cereale, possibilmente e spesso, integrali e biologici. I chicchi, quelli buoni e sani, hanno infatti due funzioni: la prima quella autoriproduttiva, che consente loro- se piantati e curati – di generare piante di cereali; la seconda è quella di essere cibo indispensabile per gli umani. Questo, unito a legumi e verdure, è la base (70/80%) di una alimentazione sana e sufficiente, secondo il modello che ho scelto. Detto questo, il discorso potrebbe concludersi qui. Infatti ogni altro seme, consigliato come integratore o “facente bene” per qualche scopo alimentare, perchè contenente la tale o tal altra sostanza biochimica, mi sembra una presa in giro:  l’indispensabile, infatti, è presente in una alimentazione equilibrata, si chiama equilibrata perché non ha bisogno di essere aiutata dal di fuori, è autosufficiente.

Dunque, a mio parere, i semi si possono usare come condimento e come arricchimento di cibi, come l’olio – per l’olio che contengono – sono interessanti e spesso buonissimi grassi vegetali, se usati senza eccessi e continuità.

I semi di sesamo – i più frequenti nella mia cucina -li uso sempre e solamente cotti. Uniti al sale ci faccio il gomashio. Quelli neri li tosto e li uso per condire e decorare. Tra l’altro, contengono più calcio del latte e derivati! Non credo al crudo!!!

Semi di girasole e di zucca, anche loro, sono frequenti nei miei piatti due o tre volta la settimana, ma sempre tostati e mai crudi!

I semi di lino, sono quelli che mi fanno più ridere perché sono ambiti da tanta gente, soprattutto donne, che ne ingeriscono a tonnellate. Questi semi, favoriscono, tra le altre innegabili proprietà, l’evacuazione. Prendo dunque l’evacuazione come esempio del mio pensiero. Vorrei cioè poter dimostrare che i semi di lino non servono così assiduamente a nessuno che stia bene ed in equilibrio. Se una donna mi dice che gli sono stati consigliati i semi di lino per evacuare meglio o bene, personalmente non nego assolutamente che possano fare all’uopo, ma mi limito a chiederle quali – secondo lei – sono le cause che l’hanno portata ad avere quel bisogno. Quali squilibri? Quali carenze? Quali esagerazioni? … e così via. Cosa c’è nel suo frigorifero?

Spero che queste mie riflessioni possano portare un poco di luce sui tuoi prossimi approfondimenti sul tema!

 

 

23

Lascia un commento

*

code

Aggiungi immagine (JPEG only)


Notice: Undefined index: images in /web/htdocs/www.comecucinarelanostravita.it/home/wp-content/plugins/comment-image/plugin.php on line 173
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com